Aricoli in Evidenza

La mia recensione
View Post
Spiaggia di Beauduc
La spiaggia di Beauduc, in Camargue
View Post
Le caverne di Matala, a Creta
View Post
Torna Su
15 Dic

1984: Bob Dylan & Carlos Santana

Durante la primavera del 1984 il nostro paese aveva vissuto un’attesa spasmodica, per il breve passaggio (solo tre date) della tournée europea del grande Bob Dylan. Le riviste musicali dell’epoca (vedi sotto due numeri di “Ciao 2001”, insieme al biglietto originale) facevano a gara nel dispensare informazioni e fotografie inerenti i precedenti concerti del cantautore americano, che spesso avevano incluso grandi ospiti “a sorpresa”, come Joan Baez, Van Morrison o Eric Clapton. Il “Bob Dylan European tour” (poi inciso nell’album “Real live”, edito nel 1985) avrebbe fatto tappa all’Arena di Verona il 28 e il 29 maggio, e allo Stadio San Siro di Milano il 24 giugno

Quando, in quel caldo pomeriggio, Pino Daniele e la sua band salirono gli scalini del palco per aprire il concertone, si trovarono davanti a questo spettacolo mozzafiato:

Il compianto Pino, che aveva pubblicato solo un mese prima (maggio 1984) l’album “Musicante”, era accompagnato dalla fedele band (Agostino Marangolo alla batteria, Rino Zurzolo al basso, Nanà Vasconcelos alle percussioni, Joe Amoruso al pianoforte e tastiere, con l’aggiunta della sezione fiati composta da Larry Nocella, Adalberto Lara e Juan Pablo Torres) e diede il via alla storica giornata di musica live con una brillante esecuzione di “Have you seen my shoes”, che verrà poi inclusa nell’album “Sciò live”, pubblicato alla fine dello stesso anno. Il cantautore napoletano riscosse un grande successo, segnando una tappa importantissima della propria carriera, lasciando il palco, all’imbrunire, all’ensemble del chitarrista di Autlan, Carlos Santana.

Il virtuoso Messicano, come di consueto accompagnato da una band eccezionale, quella sera composta da Alphonso Johnson (basso), Chester Thompson (batteria), David Sancious (tastiere), Orestes Vilatò (percussions) e Alex Ligertwood (voce), deliziò i 60.000 spettatori con una setlist a dir poco esplosiva, che comprese, tra le altre, “Touchdown riders”, “Samba pa ti”, “Soul sacrifice”, “She’s not there” (una cover di un pezzo degli Zombies) e, ovviamente, “Europa” (Earth’s cry heaven’s smile), sempre molto gradita ai fans italiani. Quindi si ritirò, per lasciare la scena a Bob Dylan & Company.

L’ultimo album del cantautore americano, intitolato “Infidels” (ottobre 1983), suonato insieme a Mark Knopfler (che fu anche co-produttore, oltre che chitarrista), ad Alan Clark (piano e tastiere), Sly Dunbar (batteria), Robbie Shakespeare (basso) e Mick Taylor (chitarra), aveva riscosso ottimi risultati di vendite e di critica. Poco tempo dopo, Bob aveva chiesto proprio a Mick (ex chitarra solista dei Rolling Stones) di reclutare una band molto solida, e molto “essenziale” per accompagnarlo durante quella serie di concerti. Erano stati quindi coinvolti Greg Sutton al basso, Colin Allen alla batteria e Ian McLagan alle tastiere. Ecco la scaletta di quella sera:

  1. “Highway 61 Revisited”
  2. “Jokerman”
  3. “All Along The Watchtower”
  4. “Just Like A Woman”
  5. “Maggie’s Farm”
  6. “I And I”
  7. “License To Kill”
  8. “Just My Imagination”, feat. Bob Dylan solo (vocal & guitar)
  9. “A Hard Rain’s A-Gonna Fall”, feat. Bob Dylan solo (vocal & guitar)
  10. “It Ain’t Me Babe”, feat. Bob Dylan solo (vocal & guitar)
  11. “It’s Alright Ma (I’m Only Bleeding)”
  12. “Simple Twist Of Fate”
  13. “Masters Of War”
  14. “Ballad Of A Thin Man”
  15. “Enough Is Enough””
  16. “Every Grain Of Sand”
  17. “Like A Rolling Stone” feat. Bob Dylan solo (vocal & guitar) and Carlos Santana, plus “Band intro”
  18. “Mr. Tambourine Man” feat. Bob Dylan solo (vocal & guitar) and Carlos Santana (guitar)
  19. “Tangled Up In Blue”, feat. Carlos Santana (guitar) and Alphonso Johnson (bass)
  20. “Knockin’ On Heaven’s Door”, feat. Carlos Santana (guitar) and Alphonso Johnson (bass)
  21. “Tombstone Blues”, feat. Carlos Santana (guitar) and Alphonso Johnson (bass)
  22. “Leopard-Skin Pill-Box Hat”, feat. Carlos Santana (guitar) and Alphonso Johnson (bass)
  23. “Why Do I Have To Choose”, feat. Carlos Santana (guitar) and Alphonso Johnson (bass)
  24. “Blowin’ In The Wind”, feat. Carlos Santana (guitar) and Alphonso Johnson (bass)
  25. “The Times They Are A-Changin’, feat. Carlos Santana (guitar)

Allo Stadio San Siro (ancora fornito di soli due anelli) della “Milano da bere”, quel giorno si consumò uno degli eventi musicali degli anni ’80.

Io, per mia fortuna, ero lì.

Con ostinazione mi arrocco culturalmente in zona mediana, disorientato tra Shakespeare e Antonio de Curtis, risolvendo il dubbio amletico “essere, o non essere” con un perentorio “modestamente, io essi”.

Non ci sono commenti

Scrivi un Commento